Poltrone da giardino

Caratteristiche generali

Se si dovesse scegliere qual è il tipo di seduta preferito tra le tante disponibili sia all’interno che all’esterno di una casa, chiunque risponderebbe la poltrona. La poltrona è la seduta per eccellenza. Qualsiasi sia il modello o la dimensioni tutti sanno che il relax passa attraverso di essa. Generalmente si tratta di una struttura che si è soliti vedere all’interno degli appartamenti, magari affianco ad un bel camino dove d’inverno è piacevole riscaldarsi, perché no leggendo un buon libro. Detto questo, se si è portati a pensare che la poltrona sia una seduta esclusivamente da interni ci si sbaglia di grosso: tutti conoscono l’importanza di un giardino ben arredato e funzionale che consenta di rilassarsi e di passare piacevoli momenti dedicati a se stessi. Proprio per poter assolvere questa funzione, per così dire rilassante, in tutti i giardini si è gradualmente diffusa una versione da giardino di poltrona, che differisce da quella interna soprattutto per quanto riguarda i materiali utilizzati. Cosa sarebbe un salotto da giardino senza una poltrona? Quando si parla di salotto s’intendono tutte quell’insieme di sedute come divani, chaise longue, dondoli e ovviamente poltrone. Queste ultime possono essere acquistate assieme al divano, o anche separatamente. Si tratta di complementi d’arredo molto apprezzati, non solo per la loro utilità, ma anche perché sono elementi di grande stile.

poltrone da giardino


Struttura

poltrone da giardinoLa poltrona da giardino ha una struttura semplice, quella tipica delle versioni indoor. Esse sono formate da una comoda seduta, uno schienale molto più alto rispetto ad una normale sedia e dei braccioli ai lati. Si è più volte insistito sul fatto che la poltrona sia una delle sedute più comode, ed è così. La sua struttura sebbene semplice è molto ampia e ciò permette di sentirsi come avvolti dentro di essa. Si tratta di un complemento estremamente classico proprio in quanto è il tipico elemento d’arredo da salotto. Il fatto di essere rinato come accessorio da giardino gli conferisce una nuova vita che va in un senso maggiormente moderno. Le versioni outdoor delle poltrone, se nella struttura e nei modelli, non variano rispetto a quelle da interno, presentano delle differenze che riguardano soprattutto la scelte dei materiali che, per ovvie ragioni, saranno diversi tra interno e esterno.

  • panca da giardino

    panca da giardino La panca è uno degli elementi più diffusi all’interno di uno spazio aperto sia esso pubblico o privato. Essa ha un gusto estremamente tradizionale essendo forse il primo tipo di seduta che era possibi...
  • amaca

    amaca L’amaca è un accessorio fondamentale per tutti coloro che amano rilassarsi nel giardino di casa propria o negli spazi all’aperto, magari dopo un pick-nick. Si tratta di un particolare tipo di seduta a...


Modelli

poltrone da giardinoCosì come per tutti i tipi di sedute, anche per le poltrone da giardino esistono una varietà di modelli adatti a soddisfare le esigenze anche degli arredatori più esigenti. Se tendenzialmente una poltrona ci fa pensare a qualcosa di classico, in realtà è un prodotto che si presta a diversi gusti che abbracciano oltre quello più retrò, anche quello moderno fino ad arrivare alla creazione di pezzi dal design davvero all’avanguardia. In genere le poltrone vanno acquistate assieme al divano , ovvero tutte quelle sedute che completano il salotto posto in un’area prescelta del proprio giardino. Molto spesso acquistare tutti i componenti di quest’ultimo comporta una spesa alquanto elevata, per cui in molti casi si preferisce comperare singolarmente i vari pezzi. Se si dispone di ampi spazi e quindi di un’area relax alquanto estesa si possono acquistare anche più di una poltrona da abbinare chiaramente al divano. Il mercato offre una vasta scelta tra dimensioni e forme, colori e materiali. Quanto alle forme, c’è davvero da divertirsi. Scegliere quella più adeguata alle proprie esigenze significa avere le idee chiare sul tipo di stile che si vuole riprodurre all’interno del proprio angolo verde e, solo dopo, acquistare il modello che incorpora le caratteristiche proprie dello stile adottato. Se si preferiscono delle linee più classiche allora ci si può indirizzare verso modelli che evocano le forme delle vecchie poltrone da salotti, se al contrario si vuole dare un carattere più di tendenza e più giovane al proprio spazio verde si possono scegliere soluzioni dalle forme più particolari, squadrate o anche tonde, per non parlare di modelli dalle forme astratte. Le poltrone possono offrire maggiore confort se personalizzate con dei cuscini sulle sedute.


Materiali: legno, fibre naturali, alluminio, plastica

poltrone da giardino I materiali incidono più di quanto si possa pensare nell’arredamento da giardino. Essi donano il volto e la personalità a qualsiasi tipo di complemento d’arredo. Anche nel caso delle poltrone i materiali sono molto importanti. Prima di tutto l’impiego di certi materiali piuttosto che di altri ha delle ripercussioni sulla collocazione dell’accessorio. Una poltrona d’interni, ad esempio, avrà dei rivestimenti in tessuto piuttosto che in pelle, tutti materiali che non possono assolutamente essere impiegati all’esterno. Quelle da esterno dunque, differiscono dai modelli indoor proprio perché realizzati con materiali indicati per la lunga esposizione all’aria aperta. I materiali di fabbricazione di poltrone da giardino sono soprattutto ferro, alluminio, legno, plastica e altri materiali organici come bambù, midollino, rattan e così via. È davvero ampia la possibilità di scelta in fatto di materiali. Basta ispirarsi ai complementi precedentemente acquistati all’interno del giardino per capire il rivestimento più adatto alla poltrona. La continuità dei materiali è importante per cercare di riprodurre un certo stile e dare al proprio paradiso verde una personalità ben delineata. Negli ultimi anni è molto alla moda ricreare nel proprio giardino un’atmosfera leggera e allo stesso tempo fresca, con materiali organici che conferiscono all’ambiente proprio queste caratteristiche. A questo proposito è molto utilizzato il bambù, il midollino o altre fibre naturali come il banano. Si tratta di materiali naturali e che quindi si sposano perfettamente con la vegetazione di parchi e giardini. A seconda della fibra scelta si potranno avere diverse tonalità di marrone o di beige e strutture più o meno spesse. In generale questi materiali dal gusto esotico sono molto delicati per cui hanno bisogno di periodiche cure e devono essere ben coperti quando non utilizzati, soprattutto in inverno. Sarebbe ideale spostarli in luoghi coperti, riparati dalle intemperie che possono danneggiarne la struttura. Nonostante la loro delicatezza, le fibre naturali offrono davvero un risultato estetico impeccabile e di gran moda. Il legno si avvicina molto alle fibre estetiche sia nei pregi che nei difetti. Esso è il materiale più utilizzato in assoluto. Offre la possibilità di essere impiegato sia in un arredamento di gusto classicheggiante, sia in quelli moderni che addirittura in quelli etnici. Il legno è un materiale organico e per questo non turba l’armonia e l’equilibrio degli spazi verdi. È disponibile in diverse essenze che corrispondono ad molteplici sfumature di colori che lo rendono facilmente abbinabile a qualsiasi altro complemento d’arredo. Così come è elegante, il legno è anche molto delicato. Se lo si sceglie per il proprio arredamento da giardino bisogna essere consapevoli delle cure e delle attenzioni che bisogna rivolgergli. Prima di tutto è necessario trattarlo periodicamente con prodotti anti muffa e anti umidità: questi sono i pericoli maggiori verso cui può andare incontro, in seguito alle lunghe esposizioni all’esterno. Gli agenti atmosferici sono davvero dannosi se non contrastati con prodotti adeguati. Oltre a questo tipo di cura bisognerebbe anche prendere un’altra precauzione, ovvero quello di coprire le strutture in legno durante i periodi di non utilizzo. Plastica e alluminio sono i materiali più utilizzati negli ultimi anni. Si tratta di materiale innovativo e all’avanguardia estremamente pratici ed indicati se collocati nei luoghi all’aperto. L’alluminio ha il fascino del ferro ma la leggerezza e la funzionalità della plastica. Le strutture realizzate in questo materiale garantiscono bellezza e sicurezza. Assieme alla plastica rientra nella categoria di materiali non impegnativi, dove non impegnativi significa che non bisogna avere troppa attenzione. La plastica è forse meno adatta ai giardini che tentano di mantenere uno stile elegante e ricercato. Ma negli ambienti più moderni e più pratici è l’ideale. È estremamente leggera, semplice da pulire e assolutamente resistente.


Collocazione

Generalmente le poltrone vanno collocate all’interno dell’area riservata al salotto da giardino che già vede la presenza di divani e chaise longue. In caso contrario, se le dimensioni del proprio giardino non lo consentono si può optare per un inserimento singolo, magari al di sotto di una struttura utilizzata come copertura come gazebo o pergole.


Personalizzazione

Le poltrone si prestano a pochi ma importanti interventi di personalizzazione. La prima cosa che verrebbe in mente a chiunque, è di dotare la o le proprie poltrone di una cuscineria che riprenda quella presente anche su divano e chaise longue. I cuscini possono essere applicati sulla seduta ma anche sullo schienale se abbastanza ampio. Ciò genera maggiore comodità negli utilizzatori. Inoltre sarebbe opportuno collocare un tavolino nei pressi della seduta per poter usufruire di una base dove appoggiare i propri effetti personali. Se si pensa ad interventi più invasivi che non si limitano a delle semplici aggiunte di particolari, si può cambiare il colore della struttura con delle vernici appropriate al materiale scelto.


Poltrone da giardino: Acquisto e costi

Le poltrone da giardino possono essere acquistate in coordinato con divano e chaise longue abbinati, chiaramente nel modello, nei materiali e nei colori. Questa soluzione è leggermente più dispendiosa dato che si tratta di strutture importanti. Se non si vuole affrontare una spesa del genere, si può frazionare l’acquisto e comperare mano mano gli elementi che andranno a costituire il salotto da giardino. Qualunque sia la modalità d’acquisto, ci si può recare presso negozi d’arredamenti per giardino, negozi d’arredi da esterno, di fai da te o giardinaggio. I prezzi oscilleranno tra modelli più cari come quelli in ferro o in legno a modelli più economici come quelli fabbricati con alluminio e plastica. Anche il modello incide sui costi, dato che più è originale e complessa la struttura e più il prezzo sarà elevato.


Guarda il Video

commenti

Nome:

E-mail:

Commento: