Seminare prato

Prato

Il prato è un ambiente all’aperto che può crescere spontaneamente ed essere incontaminato, oppure può essere seminato e rappresentare un luogo privato che contorna una casa o una villa. Il prato è un paesaggio di grande fascino. Quanto più le distese erbose sono immense e sane tanto più sono belle e affascinanti. I prati di dimensione domestica, invece, non si estendono a perdi occhio, ma devono avere, allo stesso modo, un aspetto curato e sano. Anzi, forse ancor di più che i prati spontanei. Un perfetto giardino domestico è costituito prima di tutto da un omogeneo e fitto manto erboso che può essere ottenuto soltanto con un’attenta e scrupolosa cura dell’erba, del terreno e con una buona resa di tutte le attività a loro connesse. Se in un luogo pubblico, esteso, dove non vi è la mano dell’uomo, il prato cresce in maniera spontanea, si pensi agli estesi prati di boschi o di campi incolti, in un giardino domestico il prato deve crescere seguendo una serie di criteri che fanno sì che esso possa presentarsi in maniera presentabile e ordinata. Perché il prato di un giardino cresca in maniera corretta e omogenea, vi sono due soluzioni: la prima è la coltivazione dell’erba, mentre la seconda e l’acquisto e l’innesto di un prato a rotoli, ovvero i prato già pronti. In questo articolo l’attenzione sarà rivolta in particolare la prima soluzione, ovvero all’attività di coltivazione di un prato.

Einhell 3415233 BG-SR 12 Carrello per spargere

Prezzo: in offerta su Amazon a: 21,95€


La semina

La semina di un prato è un’operazione abbastanza complessa nella misura in cui la crescita di una pianta è sottoposta costantemente a numerose incognite e imprevisti di natura esterna. Di certo, non è sempre vero che bisogna avere il pollice verde per poter realizzare una coltre fitta di erba nel proprio giardino, ma basta seguire pochi ma utili consigli per poterlo fare al meglio. La prima cosa da tenere ben a mente è che non tutti i semi sono adeguati a tutti i terreni. Vi sono delle specifiche erbe, e di conseguenza specifici semi, che trovano le condizioni ideali per germinare soltanto in terreni di un certo tipo e in una situazione climatica appropriata. Sulla base di queste considerazione si può affermare con certezza che per seminare un prato bisogna utilizzare un terreno appropriato al tipo di semi che si intende piantare, ma allo stesso tempo, i semi del prato devono essere scelti in base all’utilizzo che se ne vuole fare e alle condizioni climatiche del luogo scelto alla semina.


  • Negli spazi all’aperto c’è un elemento fondamentale che colpisce subito l’osservatore: il verde. Uno spazio urbano, una zona circoscritta o una proprietà privata diventano degli spazi molto più elegan...
  • Il giardino è un ambiente che molti intendono come il prolungamento della propria casa, generalmente una villa o un appartamento a piano terra. Sia che si ami l’arredamento e che si sia appassionati n...
  • Il prato è un’immensa distesa verde di erba morbida e dalle sfumature brillanti. Esistono luoghi in cui essi sono presenti in maniera naturale, si pensi ai paesi anglosassoni. Esistono, però, anche de...
  • Chi possiede una villa o un appartamento a piano terra con giardino circostante sa quanto è importante avere un giardino bello e curato. La propria casa appare invitante ed ospitale agli occhi dei vi...

Sementi Batlle - Prato rustico e decorativo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,9€


Criteri di semina

Se si ha intenzione di piantare un prato, prima di procedere alla semina vera e propria, è necessario compiere alcune operazioni che devono precedere assolutamente la crescita dell’erba. se fatte in un secondo momento, il prato potrebbe essere danneggiato. Queste operazioni sono, ad esempio, la realizzazione di un impianto di irrigazione sotterranea che può avvenire solo scavando e smuovendo il terreno. Anche la realizzazione di un sentiero e di zone piastrellate, piuttosto che il riservare una certa area del giardino alla crescita di alberi e piante a fusto alto o ancora all’installazione di gazebo ed altre strutture, devo essere preventivate e realizzate prima della semina. Una volta compiute tutte le operazioni citate, o parte di esse, si può cominciare a dedicarsi alla semina. Questo processo deve avvenire necessariamente in periodi dell’anno ben definiti, in genere ogni seme o miscela di semi ha un proprio periodo ideale di innesto. In genere l’intero processo di semina, germinazione e crescita dell’erba ha un tempo che si aggira intorno ad un anno, ma anche in questo caso molto dipende dal tipo di seme e dunque di prato che si vuole realizzare.


Seminare prato: Fasi di semina

Prima di piantare i semi è necessario lavorare il terreno, zapparlo, smuoverlo con gli strumenti opportuni, aggiungere materiale organico se necessario. Il terreno zappato e arricchito deve essere, poi, livellato e appiattito e lasciato a riposo qualche giorno. Dopo questa prima fase è possibile passare alla semina. In linea di massima i periodi più indicati sono quelli caratterizzati da condizioni climatiche e temperature più miti come l’autunno o la primavera, anche se molto dipende, come già detto precedentemente, dal tipo di seme seminato. I semi possono essere piantati sia manualmente che con la seminatrice. Se si sceglie la via più tradizionale della semina manuale, si consiglia di mischiare le sementi alla sabbia così da rendere più omogenea la miscela da spargere sul terreno. Distribuiti i semi è la volta del loro interramento con l’ausilio di un rastrello e di un po’ i terriccio con cui ricoprirli. Fatte queste operazioni si dovrà passare, ovviamente, all’irrigazione che dovrà essere effettuata in maniera delicata altrimenti i semi rischiano di muoversi dal loro sito. Dopo l’innaffiatura il prato sarà lasciato a riposo per circa due settimane stando attenti a non calpestarlo. Nel giro di poche settimane spunteranno i primi fili di erba che non dovranno essere tagliati fino a che non avranno raggiunto circa 10 cm di altezza. Prima del taglio però si consiglia di passare un rullo così da compattare l’erba.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO