Spaccalegna

Premessa

Quando si visita un bel giardino curato, mai si potrebbe pensare che dietro quell’armonia e quella naturalezza si nasconda invece tanta fatica e lavoro per curalo e mantenerlo sempre vivo, sano e rigoglioso. Ebbene si, ogni giardino per quanto possa sembrare semplicemente naturale, ovvero frutta della sua spontanea crescita non è sempre così, almeno per quanto concerne i giardino o i terrazzi privati. Dietro lo spazio verde che circonda un’abitazione e che è abitato da una famiglia vi è un gran lavoro di progettazione, prima di tutto, e poi di realizzazione e di cura. Un giardino, infatti, non nasce solo per il suo arredamento o per i complementi d’arredo che è possibile inserirvi, ma esso ha bisogno di una buona organizzazione degli spazi e una attenta cura delle specie vegetali che vi sono inserite. L’elemento naturale, ovvero le piante, infatti è quello che caratterizza e che distingue uno spazio all’aperto da quello interno. In un giardino curato e ordinato è molto più piacevole passare le proprie giornate soprattutto quando il clima è caldo e favorevole. In un giardino ben curato si possono svolgere tante di quelle attività che con le piogge e il freddo vengono eseguite dentro casa. Durante l’estate, ma anche la primavera, è bello uscire e passare il proprio tempo libero fuori casa, baciati dal sole e accarezzati dal vento primaverile. In molti si dirigono verso i grandi parchi cittadini in cerca di ristoro, ma chi ha la possibilità di usufruire del proprio giardino può trovare il giusto refrigerio proprio a pochi metri da casa propria. Un giardino ricco di piante è una risorsa non solo dal punto di vista pratico, ma anche da quello estetico. Uno spazio verde, abbondante, colorato e profumato, infatti, non fa che contribuire al clima rilassante tipico di uno spazio all’aperto ed è estremamente gradevole da ammirare. Tutte le specie giocano un ruolo fondamentale nello spazio in cui sono situati dato che contribuiscono a distribuire ombra in punti precisi dell’ambiente, freschezza, colore e profumo. Quanto più, però, il giardino è ricco di piante di specie diverse, tanto più è difficile mantenerlo sempre in ottima forma ed esteticamente fresco e vitale. Quando si ha la fortuna di avere tanti tipi di piante non sempre, però, si è capaci di prendersene cura in quanto ogni specie vegetale ha le loro particolari esigenze e occorre conoscerle per far sì’ che possano continuare a fiorire ed abbellire naturalmente il giardino. Non tutti, però, sono in grado di occuparsi di piante, alberi e fiori, in quanto è necessario avere una certa competenza in materia ed una certa conoscenza degli strumenti da utilizzare con tanto di tecniche associate. Così quando proprio si è incapaci, per evitare di trascurare o apportare cure sbagliate al proprio giardino è meglio rivolgersi a personale esperto, un giardiniere professionista che sarà senza dubbio capace di prestare operazioni di manutenzione ordinarie e straordinarie al proprio giardino.

spaccalegna

Spaccalegna/Taglialegna/Spacca Legna orizzontale elettroidraulico Vinco - TP372003

Prezzo: in offerta su Amazon a: 179,9€


Caratteristiche principali

spaccalegna Nella gestione della propria casa, compreso giardino e terrazzo, si può provvedere personalmente alla cura di determinate area della casa oppure si possono contattare degli esperti del settore. Ciò avviene generalmente nel giardino o in tutti gli altri luoghi, come balcone o terrazzo, in cui si necessita della mano di un esperto per la cura delle proprie specie vegetali. Se si assume un giardinieri, egli provvederà a recarsi sul luogo di lavoro nei giorni concordati per farsi carico della manutenzione ordinaria del giardino. inoltre, durante periodi specifici dell’anno, alcune piante hanno bisogno di interventi straordinario che pure saranno espletati dalla figura professionale assunta. Tutto ciò ovviamente ha un costo che può variare a seconda delle situazioni. Se, invece, non si vuole spendere del denaro per assumere del personale che si occupi delle proprie piante, si può provvedere personalmente alla cura del proprio patrimonio vegetale, ammesso che si conosca almeno in parte la materia. Una volta stabilito se il proprio giardino, o terrazzo, sarà curato autonomamente oppure da un professionista bisogna equipaggiarsi con la giusta attrezzatura e i macchinari fondamentali per tutte le attività da mettere in pratica. I giardinieri che sono degli esperti nell’ambito del loro lavoro saranno sicuramente forniti della migliore attrezzatura sul mercato, in quanto il loro utilizzo è di tipo lavorativo e dunque non possono deludere i clienti che lo hanno assunto. Chi invece vuole provvedere personalmente alla manutenzione del giardino può, semplicemente, acquistare gli attrezzi di cui ha assoluto bisogno senza riempirsi il giardino di macchinari che, effettivamente, non saranno mai utilizzati. Inoltre anche il livello di difficoltà nell’utilizzo del macchinario incide sulla prestazione: se, infatti, chi lo utilizza non ne è un grande esperto, il risultato non sarà dei migliori. È meglio, dunque, iniziare con degli attrezzi di qualità media per poi avanzare con la progressiva specializzazione dell’utilizzatore.


  • piante antizanzare Chi possiede un giardino privato o un bel terrazzo sa quanto può essere rilassante e piacevole passare il proprio tempo libero all’aria aperta a godersi l’aria frizzantina dei mesi estivi, leggendo un...
  • motozappe Un giardino non può essere chiamato così se non risponde a determinate regole estetiche. I giardini privati o i terrazzi di case o appartamenti, infatti, sono luoghi di grande importanza per la famigl...
  • trattorini A chi non piacerebbe un giardino o un terrazzo come quelli che si possono ammirare e commentare sulle riviste di arredamento o nei film? In realtà, non è impossibile raggiungere quei risultati, l’impo...
  • lampade solari Un giardino o un terrazzo sono delle vere e proprie risorse all’interno di un’abitazione. In quanto sono degli spazi all’aperto votati soprattutto a passare delle piacevoli ore al solo scopo di rilass...

Vigor VSL-5T Spaccalegna Orizzontale, 5 T

Prezzo: in offerta su Amazon a: 238,12€
(Risparmi 0,88€)


Modelli

spaccalegnaSono tanti gli strumenti che fanno parte della categoria degli strumenti e dei macchinari da giardinaggio, ma non tutti sono davvero utili per una manutenzione, per così dire, casalinga. È molto meglio considerare quali sono le esigenze del proprio giardino per acquistare soltanto gli strumenti che saranno, poi, effettivamente utilizzati. Nell’ambito degli strumenti più utilizzati, di certo, non mancheranno quelli che si occuperanno del taglio dell’erba, delle foglie e così via. Tra questi non si può non citare lo spaccalegna. Quando si pensa ad uno spaccalegna la nostra mente corre inevitabilmente indietro nel tempo, quando tagliare la legna era un gesto assolutamente comune e ricorrente, nonché indispensabile, la legna serviva chiaramente ad alimentare camini e stufe per fornire calore in casa. con il progresso queste forme di riscaldamento si sono evolute, facendo nascere nuovi sistemi che sfruttavano un diverso tipo di energia, da quella a gas a quella elettrica. Oggi, forse neanche stranamente, vi è un ritorno a quei vecchi sistemi di riscaldamento alimentati a legna. Stufe e camini stanno ritornando di moda e con loro sta ritornando la necessità di fornirsi di legna e dunque di tagliarla. A questo scopo la crescente richiesta e la diffusione delle macchine spaccalegna non sembrano più così inverosimili. La macchina spaccalegna ha il compito di spaccare, o meglio tagliare, la legna secondo le dimensioni di cui si ha esigenza. Lo stecco accadeva anche nel passato con la differenza che prima il lavoro veniva effettuato in maniera manuale, utilizzando delle asce o altri attrezzi da lavoro con lame affilate. Quelle stesse operazioni che oggi sono effettuate con strumenti motorizzati, erano estremamente faticosi e il tempo necessario per spaccare tutta la legna era quasi il triplo rispetto a quello che viene impiegato oggi, con i mezzi moderni. Grazie al progresso tecnologico molte delle operazioni fatte a mano ogni sono effettuate con apparecchiature sofisticate. Il taglio della legna, ad esempio, oggi avviene tramite un’apparecchiatura denominata, appunto, spaccalegna che funziona attraverso un motore alimentato a miscela o elettricamente. Grazie allo spaccalegna, i tempi di taglio della legna si riducono in maniera drastica e con essi anche lo sforzo fisico di chi compie il lavoro.


Funzionamento

spaccalegnaUna macchina spaccalegna consiste in un piano d’appoggio su cui adagiare la legna da spaccare, nella forma di rami o tronchi, a volte anche di notevoli dimensioni. grazie ad un sistema di lame di diversa composizione i tronchi potranno essere tagliati senza grandi sforzi. Le lame inserite nel macchinario devono essere scelte, di volta in volta a seconda dello spessore e del grado di durezza del legno da tagliare. Le lame, attraverso l’azionamento del motore, scendono con forza sull’elemento da tagliare producendo un taglio netto e preciso. Si tratta di un macchinario utile soprattutto a chi ha un camino, un forno o un una stufa alimentata appunto a legna. Essendo, però, un macchinario molto voluminoso e ingombrante bisogna accertarsi di avere un luogo al coperto dove poterla riporre e dove poter effettuare il lavoro di taglio senza alcun rischio. Lasciare la spaccalegna all’interno del giardino alla vista di tutti, infatti, non è assolutamente consigliabile, prima di tutto per una questione di tipo estetico, dato che avere sotto gli occhi gli attrezzi da lavoro rovina l’aspetto ordinato e armonioso del giardino, e in secondo luogo perché l’esposizione continua alle intemperie a contatto con pioggia e umidità ne causerebbe l’ossidazione delle parti in metallo, che comprometterebbero il funzionamento del macchinario.


Spaccalegna: Precauzioni d'uso

La macchina spaccalegna è un macchinario il cui utilizzo richiede grande attenzione. Soltanto gli addetti alla manutenzione del giardino dovrebbero avvicinarsi ad essa perché la minima distrazione potrebbe causare degli spiacevoli incidenti, anche gravi. Sia quando la macchina è in funzione e sia quando è spenta l’accortezza non è mai abbastanza. Infatti, quando la macchina è spenta le lame sono pur sempre visibili e a portata di mano, insomma, un costante pericolo soprattutto per i più distratti e per i bambini. quando poi la macchina è attiva, il movimento della lama, può cogliere di sorpresa e per questo e meglio che chi non sta utilizzandola, si tenga alla dovuta distanza. Anche l’utilizzatore dovrà prendere le opportune precauzioni per evitare di ferirsi. Per prima cosa dovrà indossare delle protezioni per il corpo come guanti per proteggere le mano, pantaloni protettivi, scarpe antinfortunistiche e mascherina per riparare il volto da eventuali schegge o residui di legno che al momento del taglio inevitabilmente si disperdono nell’ambiente. Una importante precauzione da prendere quando ci si appresta a tagliare la legna per il proprio camino è quella disporre la legna sul piano quando la macchina è spenta per evitare che l’improvviso azionamento delle lame possa provocare degli incidenti spiacevoli.



COMMENTI SULL' ARTICOLO